La fotografia, suo malgrado

La fotografia, suo malgrado

Hiroshi Sugimoto, Mar Mediterraneo, 1990

La fotografia più aiutarci a vedere la realtà? E quali sono i limiti e le potenzialità di un’immagine fotografica?

Ernesto Francalanci ci parla del ruolo della fotografia oggi, sospesa tra pensiero, arte e memoria, tra documento e testimonianza, tra concetto e monumento, in questo intenso intervento tenuto alla presentazione del catalogo della Galleria veneziana Ikona il 21 gennaio scorso. 

La storica Galleria, che si trova, non casualmente, tra Gheto Novo e Gheto Novissimo, «sembra testimoniare ancora oggi l’implacabile continuità del male e la persistenza dell’odio», ci dice Francalanci. E proprio da questo angolo la sua direttrice, l’artista Živa Kraus, è rimasta a vegliare, a testimoniare, e a resistere come l’angelo benjaminiano. Bisogna combattere il “platonismo triviale” dell’immagine che non consente di accedere alla conoscenza, come ci insegna Didi Huberman, per ritrovare la realtà dell’immagine. E questo è stata la ricerca di Živa: mettere in mostra immagini a salvaguardia della storia, dell’arte e della conoscenza.

Tutte le immagini esposte in questa Galleria, e vi hanno trovato spazio le immagini dei maggiori rappresentanti della fotografia contemporanea da Gabriele Basilico a Barbara Morgan, da Helmut Newton a Ferdinando Scianna, sono state scelte per la loro capacità di farsi rappresentazione e narrazione, e «hanno superato il tempo dell’esposizione, diventando lo strumento pedagogico per ripensare e ricostruire e reinventare la nostra storia».

Leggi anche

Indizi La lanterna
Indizi La piega
Indizi La nuvola
Indizi Il lampo
Confronti Dalle strutture preistoriche alla Grande Arche
Progettare un’esperienza di gioco con Google Moduli